Washington Wizards-New York Knicks, streaming e diretta tv: dove vedere il London game NBA 2019

Washington Wizards-New York Knicks, streaming e diretta tv: dove vedere il London game NBA 2019

Washington Wizards-New York Knicks, streaming e diretta tv: dove vedere il London game NBA 2019

LONDRA – Anche per la stagione 2018-19 il grande basket americano NBA è di casa solo su Sky, con la possibilità di ammirare ancor più da vicino tutti i campioni, grazie al canale dedicato Sky Sport NBA (ch 206).

Il campionato professionistico americano di pallacanestro si sposta in Europa, per l’ormai tradizionale appuntamento con l’NBA London Game, anche in questa occasione ospitato dalla 02 Arena di Londra.

Sul parquet dell’impianto londinese Washington Wizards e New York Knicks, con palla a due alle ore 21 di domani, giovedì 17 gennaio. Il match, valido per la Regular Season, andrà in onda in diretta su Sky Sport NBA e Sky Sport Uno. Commento live in italiano di Flavio Tranquillo e Davide Pessina.

Inoltre, tutti gli appassionati di NBA (e non solo) potranno assistere alla sfida di Londra in streaming su skysport.it, per l’occasione eccezionalmente aperto a tutti.

L’incontro sarà preceduto alle ore 20.45 dal pre partita, in compagnia di Francesco Bonfardeci, Davide Pessina e Dario Vismara. Pre partita in diretta anche su Sky Sport 24.

Diverse le repliche previste il giorno dopo, venerdì 18 gennaio, sempre su Sky Sport NBA; alle 15, alle 19 e alle 23.

___________________________________________________________________________________________

Giovedì 17 gennaio

Ore 20.45 pre partita

Ore 21 “NBA London Game”: Washington Wizards-New York Knicks

in diretta su Sky Sport NBA, Sky Sport Uno e in streaming su skysport.it

(eccezionalmente aperto a tutti)

commento live Flavio Tranquillo e Davide Pessina

(replica venerdì 18 gennaio ore 15, ore 19 e ore 23 Sky Sport NBA).

L'articolo Washington Wizards-New York Knicks, streaming e diretta tv: dove vedere il London game NBA 2019 sembra essere il primo su Blitz quotidiano.

Commenti da Facebook

-> Fonte originale