Meghan Markle e il Sayonara Zara party: regalò i suoi abiti firmati dopo la celebrità

Meghan Markle, il party Sayonara Zara per...regalare i suoi vestiti

Meghan Markle e il Sayonara Zara party: regalò i suoi abiti firmati dopo la celebrità

LONDRA – Prima di diventare Duchessa del Sussex, Meghan Markle era com’è noto un’attrice e quando nel 2011 è diventata ricca e famosa grazie alla serie tv “Suits”, ha deciso che poteva permettersi finalmente di acquistare abiti firmati. Ha organizzato il “Sayonara Zara” party e regalato agli amici i vestiti low cost che non avrebbe mai più indossato. 

A parlare del “Sayonara Zara” è una fonte di Hollywood, su un articolo pubblicato da Vanity Fair, e ha inoltre dichiarato che la moglie del principe Harry non era “una persona con cui si può essere davvero amici”. La fonte, che ha affermato di essere un conoscente di Meghan, nell’articolo l’ha descritta come “il tipo di persona che vuole essere amica del suo stilista” e aggiunto: “L’obiettivo di Meghan è sempre stato quello di diventare famosa. E’ eccezionalmente intelligente ma molto, molto guardinga”.

Al Sayonara Zara”ha regalato ai presenti i vestiti e accessori vecchi e meno costosi per far spazio nell’armadio ai nuovi, degni di un’attrice ormai di successo. 
Subito dopo il party ha chiesto alla sua migliore amica, la stilista Jessica Mulroney, di aiutarla a cambiare look. Meghan, attualmente in dolce attesa, e la Mulroney hanno stretto amicizia quando l’attrice si è trasferita da Los Angeles a Toronto.

Parlando in precedenza a “The Mail On Sunday” una fonte aveva dichiarato che il legame è molto forte e Meghan in un certo senso si è “modellata” sulla stilista. “Adora Jessica non solo come amica ma la considera maestra di stile e di gusto”. Si stima che  il guardaroba di Meghan Markle per il recente tour di due settimane in Nuova Zelanda e in Australia, insieme al marito Harry sia costato ben 50mila sterline.

L'articolo Meghan Markle e il Sayonara Zara party: regalò i suoi abiti firmati dopo la celebrità sembra essere il primo su Blitz quotidiano.

Commenti da Facebook

-> Fonte originale