Emiliano Sala, aereo caduto per accumuli di ghiaccio sulle ali?

Emiliano Sala, ghiaccio sulle ali causa dell'aereo caduto?

Emiliano Sala, aereo caduto per accumuli di ghiaccio sulle ali?

LONDRA – L’aereo scomparso su cui si trovava anche il calciatore Emiliano Sala potrebbe essersi schiantato in mare a casa di un accumulo di ghiaccio formatosi sulle ali. Questo è quanto sostengono esperti dell’aviazione. L’aerotaxi, un Piper Malibu, sul quale oltre al pilota viaggiava l’attaccante argentino era partito dall’aeroporto  Nantes Atlantique e diretto a Cardiff ma è scomparso nei pressi dell’isola di Alderney. 

Si teme che Sala e il pilota britannico David Ibbotson, 60 anni, siano deceduti: le guardie costiere hanno riferito che la ricerca ora è concentrati sul recupero, senza speranza di trovare sopravvissuti. Il Sun ha riportato le dichiarazioni di un esperto dell’aviazione: “Ci sono messaggi del calciatore in cui afferma che l’aereo sembra sia sul punto di cadere a pezzi, sta tremando. Un classico segnale di formazione di ghiaccio sulle ali”.  

“È probabile che l’aereo si sia schiantato in mare ancora integro altrimenti sarebbero stati trovati rapidamente dei detriti”. E’ emerso inoltre che il pilota dell’aereo, in uno scambio di messaggi con un amico, diceva di “sentirsi arrugginito con l’Ils”, il sistema elettronico di atterraggio strumentale. 

Secondo siti gallesi, Ibbotsen a causa il maltempo, prima di riuscire ad alzarsi in volo in sicurezza avrebbe tentato tre volte il decollo dalla pista dell’aeroporto francese. Forse il segnale che le condizioni meteo sconsigliavano il rientro a Cardiff? Attraverso un messaggio vocale inviato agli amici, Emiliano diceva “sono qui sull’aereo che sembra sia sul punto di cadere a pezzi e sto andando a Cardiff. Se entro un’ora e mezza non avete mie notizie, non so se manderanno qualcuno a cercarmi perché non mi troveranno ma… lo sai. Che paura che ho”.

L'articolo Emiliano Sala, aereo caduto per accumuli di ghiaccio sulle ali? sembra essere il primo su Blitz quotidiano.

Commenti da Facebook

-> Fonte originale